L’olio di Brisighella

Alla bassa altitudine (115 m.) che caratterizza i borghi della collina dell’Appennino Tosco-Romagnolo, la coltura dell’olivo, protetta dai venti freddi di levante, grazie alla conformazione ad anfiteatro della valle, e da quelli del nord da una barriera naturale di gesso, ha trovato un microclima temperato ideale, dando vita ad un prodotto di grande qualità divenuto oggi molto famoso.

In questa zona la coltivazione dell’ulivo risale a tempi antichissimi, si sono infatti trovate tracce della sua produzione fin dai tempi dei Romani.

CARATTERISCHE

Di colore verde smeraldo con riflessi e tonalità dorati, quest’olio ha un sapore piccante e piacevolmente amarognolo. Ottimo se usato crudo per insaporire verdure, pesci e per preparare salse.

L’area interessata dalla denominazione “Brisighella” presenta alcune caratteristiche del tutto peculiari rispetto al resto della regione. In particolare il panorama varietale risulta costituito in maggior parte da una sola varietà: la “Nostrana di Brisighella”, caratteristica che non si riscontra in altre regioni.

Brisighella-ulivo

L’olio extravergine di oliva Brisighella DOP deve essere ottenuto dalla varietà di olive “Nostrana di Brisighella” in misura non inferiore al 90%. Possono, altresì, concorrere altre varietà presenti in quantità minima nella zona.

La produzione massima di olive per ettaro è di 5.000 Kg negli oliveti specializzati con una resa in olio massima del 18%.

Per l’estrazione dell’olio sono ammessi soltanto processi meccanici e fisici atti a produrre oli che presentino più fedelmente possibile le caratteristiche peculiari ed originarie del frutto.

Raccolte a mano dall’albero, nel periodo compreso tra il 5 novembre e il 20 dicembre di ogni anno, le olive vengono lavate a una temperatura inferiore ai 27 gradi e spremute entro quattro giorni dalla raccolta.

Olio_di_Brisighella_varie_bottiglie

Il meglio della produzione viene ulteriormente selezionato e denominata Brisighello, un intenso extravergine frutto della selezione esasperata dei “cru” di produzione, estratto a freddo per sgocciolamento.

Viene inoltre imbottigliato il “Nobil Drupa“, un extravergine di produzione limitatissima derivante dalla molitura a freddo della varietà “Ghiacciola”, un’altra cultivar del posto, presente solo in pochi esemplari nell’areale di Brisighella.

Link utili

Per maggiori informazioni: www.brisighello.net  –  www.brisighelladop.it